pettineo
Comuni fioriti Luoghi di interesse

Pettineo, il paese degli ulivi secolari

Pettineo è il paese degli ulivi secolari e di un eccellente limone in seccagno, custode di storia e tradizioni. Continua a leggere…

Nella città metropolitana di Messina, a 6 Km dal mare, sorge il comune di Pettineo. Un piccolo borgo medievale le cui prime notizie storiche risalgono al XIII secolo. Qui il ritmo di vita è lento, ed è legato alla terra. Pettineo infatti vanta due peculiarità. Una è la presenza di alberi di ulivo secolari, l’altra è la ricchezza di agrumi, e del limone in seccagno in particolare, che permette di realizzare prodotti unici.

E’ un centro collinare, adagiato sul fianco del Monte San Cuono e delimitato dai fiumi Tusa e Santo Stefano. Percorrere le sue strade significa imbattersi in ulivi secolari di prestigiose varietà, come per esempio quelli della famiglia “oleaceae” e la cultivar santagatese. Tra tutti spicca un ulivo di 1800 anni, uno dei più antichi del Mediterraneo. Fotografare i loro tronchi modellati dal tempo, come vere opere d’arte naturali, è d’obbligo.

Ma le passeggiate conducono anche ad agrumeti speciali tra cui trovare il limone in seccagno. Il terreno e il microclima del luogo permettono la coltivazione di limoni che vantano caratteristiche organolettiche superiori alla media. Questi frutti hanno la capacità di conservarsi a lungo e di sprigionare un profumo irresistibile. Era inevitabile che diventassero preziosi gioielli da usare per la famosa e fresca granita siciliana.

Pettineo, un borgo semplice e genuino

E così, tra una grantita e un gelato al limone, a Pettineo si può trascorrere qualche ora di relax alla scoperta dei suoi piccoli tesori di storia
Il tessuto urbano, con strade strette e vicoli caratteristici si sviluppa attorno ai ruderi del Castello. Quest’ultimo, eretto i primi anni del ‘300, era stato ampliato dai Ventimiglia. Ma sono le numerose Chiese ad impreziosire il tutto.

La Chiesa di San Sebastiano presenta un bel portale di fine ‘600, e all’interno un soffitto ligneo a capriate di pregio.
La Chiesa Madre, dedicata a Santa Maria delle Grazie, custodisce numerose opere d’arte, scultoree e pittoriche. La Chiesa di Santa Oliva, patrona della città, custodisce la vara portata in processione a maggio con il simulacro della protettrice. Da vedere inoltre il portale della Chiesa San Nicolò, il Convento dei Cappuccini, il Museo domestico, la torre e il ponte Migaido.

Pettineo fa parte del Circuito Nazionale Comuni Fioriti, insieme a:
Forza d’Agrò, Gangi, Geraci Siculo, Mongiuffi Melia, Petralia Soprana, Santo Stefano di Camastra, Sinagra, Terme Vigliatore, Tusa.

Segui Vivo In Sicilia anche su Facebook e Instagram per restare aggiornato e scoprire di più. (Media Partner Comunicare24).
RIPRODUZIONE RISERVATA